Ciao a tutti dalle CognaTHE’!

Vi abbiamo parlato più volte del negozio di tè BouTEAque di Firenze, della bravissima e preparatissima Nina Capecchi.

Vi consigliamo assolutamente di visitare il suo sito internet, e se siete di Firenze (o ci capitate) di visitare il suo negozio! Trovate tutte le informazioni sul suo sito internet, cliccando qui!

Oggi vi parliamo di un tè nero sfuso Ceylon, che abbiamo preso di recente nel suo negozio.

Iniziamo dal packaging, che sempre vuole la sua parte! In questo caso il tè sfuso (125g) è confezionato in una elegante scatolina di latta, eccola:

Tè nero sfuso Ceylon, tè nero Ceylon, tè Ceylon, BouTEAque Firenze, negozio BouTEAque, cognaTHE', recensioni tè, tè nero, black tea

Il tè nero sfuso Ceylon richiede un’infusione di 1-2 minuti minuti con acqua a 80/90 gradi:

Tè nero sfuso Ceylon, tè nero Ceylon, tè Ceylon, BouTEAque Firenze, negozio BouTEAque, cognaTHE', recensioni tè, tè nero, black tea

Come potete vedere il colore del tè è molto intenso, ambrato:

Tè nero sfuso Ceylon, tè nero Ceylon, tè Ceylon, BouTEAque Firenze, negozio BouTEAque, cognaTHE', recensioni tè, tè nero, black tea

Al gusto il tè, come un Ceylon che si rispetti, è intenso, ma leggero. L’aroma è molto potente. Non ha però la densità e corposità ad esempio di un tè nero English Breakfast.

Il sapore è un gusto davvero inconfondibile, leggermente amaro, e davvero gustoso, con delle note legnose ma vellutate.

 

Il tè Ceylon è un tè nero che proviene dallo Sri Lanka,  infatti Ceylon è il nome di questo paese che fu dato durante la colonizzazione da parte della Gran Bretagna. Nome tra l’altro che si è tenuto fino all’indipendenza, ottenuta nel 1972.

Le piantagioni di questo tè in Sri Lanka si trovano ad altitudine compresa tra 1000 e 1300 metri e porta ad avere un tè dalle foglie scure e corti, di colore marrone, di altissima qualità.

Nel 1867 James Taylor (proprietario di una piantagione di caffè) piantò dei semi di pianta da tè provenienti dall’India. Questo raccolto ebbe davvero molto successo, considerando anche che purtroppo le piantagioni di caffè furono compromesse a causa di una un’epidemia della ruggine. Questa piantagione di tè, dette vita a quello che ora è il Ceylon Tea.

Tè nero sfuso Ceylon, tè nero Ceylon, tè Ceylon, BouTEAque Firenze, negozio BouTEAque, cognaTHE', recensioni tè, tè nero, black tea

Il nostro consiglio, come sempre, è quello di non zuccherarlo, in modo da assaporare il miglior gusto del tè. Se poi, preferite aggiungere 1 o 2 cucchiaini di zucchero, chiaramente potete farlo, ma vi consigliamo davvero tanto prima di farlo, di assaggiare il tè al naturale così come si presenta dopo l’infusione.

Buon sabato e buon weekend in dolcezza,

Fede&Giulia